Consiglio Affari Economici

Consiglio Affari Economici

affari economiciNatura

Il consiglio parrocchiale per gli affari economici (CPAE), costituito dal parroco in attuazione del can. 537 del codice di diritto canonico è l’organo di collaborazione dei fedeli con il parroco nella vita della parrocchia. per garantire una migliore e corretta gestione comunitaria dei beni ecclesiastici. Questo organismo è distinto dal consiglio pastorale parrocchiale e opera secondo la propria competenza. Il CPAE è in aiuto del sopradetto consiglio, per individuare e mettere in opera gli strumenti e le strutture di cui la pastorale parrocchiale necessita. Occorre perciò che tra i due consigli ci sia la massima collaborazione ed un ordinato coordinamento. Per questo i due organismi sono collegati,  in modo ordinario, mediante la presenza di diritto di almeno un consigliere in ambedue i consigli.

Finalità

Scopo specifico del CPAE è di coadiuvare il parroco con il suo parere e con la sua opera nell’amministrazione economica della parrocchia (can. 1280), tenendo conto, sia pure nel pieno rispetto di eventuali intenzioni degli offerenti, dei fini principali dei beni ecclesiastici e cioè l’esercizio del culto, le attività pastorali e caritative (can. 1254. 2) e l’onesto e dignitoso sostentamento del clero e delle persone in servizio parrocchiale.

Compiti

In concreto, il CPAE ha il compito di curare la conservazione e manutenzione degli edifici, attrezzature, mobili, arredi e di quanto appartiene alla parrocchia,  usando particolare premura per il patrimonio artistico e storico. Ancora di esaminare e dare il proprio parere su contratti, progetti, preventivi, piani di finanziamento e di impiego di capitali, sul movimento del personale in servizio di attività parrocchiali. Infine di condividere con il parroco l’impegno di soddisfare le esigenze economiche della comunità parrocchiale, esaminare  e firmare i bilanci preventivi e consuntivi annuali dell’amministrazione parrocchiale, copia dei quali deve essere trasmessa al consiglio diocesano per gli affari economici entro il mese di marzo di ogni anno.

Membri parrocchiali

  1. Sac. Enio Mario De Mare
  2. Dalessandri Rocco
  3. Ferrara Enza
  4. Ianniello Attilio
  5. Petrocelli Antonietta